Cosa rappresentare nei modelli di processo

Le scelte da fare per ogni modellazione sono due: ambito e livello.

Ambito della modellazione:

  • l’esistente (“as is”)?
  • o il futuro (“to be”)?

Livello della modellazione:

  • essenziale?
  • o implementativo?

Nel 1978 Tom De Marco propose un iter di analisi dei processi (“Structured Analysis”) basato sulla definizione successiva di quattro modelli:

  1. fisico (implementativo) del sistema attuale –rappresentazione della realtà esistente che esplicita le responsabilità organizzative e  le tecnologie utilizzate
  2. logico (essenziale) del sistema attuale –rappresentazione dei processi della realtà esistente che astrae dall’organizzazione e dalla tecnologia
  3. logico (essenziale) del sistema futuro –rappresentazione astratta dei processi desiderati, in coerenza con obiettivi e requisiti del progetto di cambiamento
  4. fisico (implementativo) del sistema futuro – rappresentazione che assegna responsabilità organizzative e tecnologie da utilizzare alle attività dei nuovi processi