Intelligenza artificiale e analisi

L’intelligenza artificiale generativa può fornire un aiuto significativo alle attività di analisi dei sistemi e dei processi.

Ma non ci si può fidare troppo, e bisogna imparare a usarla.

Non ci si può fidare troppo, perché può sbagliare, e a volte sbaglia. Fa tutto rapidamente, ma va controllata. E per controllarla servono analisti competenti sulle tecniche di analisi, che verifichino la correttezza di quello che produce.

E bisogna imparare a usarla. Cioè a guidare le conversazioni in modo appropriato, usando le tecniche di Prompt Engineering (progettazione dei comandi), per evitare di perdere tempo e di non riuscire a capire come si possono ottenere i risultati desiderati.

Ho creato quindi un nuovo corso: Prompt Engineering – usare al meglio l’IA generativa .

Come gli altri miei corsi, anche questo è incentrato su una serie cospicua di esercitazioni, per permettere a chi partecipa di assimilare i concetti teorici con esperienze pratiche guidate.

Prossimamente pubblicherò anche i risultati delle mie esperienze con l’utilizzo dell’intelligenza artificiale generativa per le attività di analisi, in particolare per:

-la definizione dei requisiti

-la specifica di funzionalità

-la modellazione dati

-la verifica della conformità agli standard di diagrammi UML, SysML, BPMN.