Programmare in UML? No, grazie.

Quando lo Unified Modeling Language (UML) nacque, attorno alla metà degli anni novanta, l’obiettivo era definire un linguaggio-notazione comune per gli sviluppatori software, che fosse in grado di standardizzare (e quindi agevolare) la documentazione dei prodotti e la comunicazione tra le persone.

Ma poi, con il nuovo millennio, l’ambizione cresce. Gli obiettivi, almeno quelli di alcuni all’interno dell’Object Management Group (OMG – il consorzio che “possiede” UML), si allargano: Model Driven Architecture, Model Driven Development, generazione di codice a partire dai modelli.

Un esempio è questa presentazione del 2013 di Ed Seidewitz, dove a pagina 19 si chiarisce la meta finale di chi spinge in questa direzione: programmare in UML.

Non era certamente questo, l’obiettivo di chi ha ideato UML. E non lo è neanche per la grande maggioranza dei suoi utilizzatori, né tantomeno per chi sviluppa davvero software. Per rimettere un po’ i piedi per terra, rimando ai miei video introduttivi su come si può usare UML in pratica (ora disponibili anche su un nuovo canale YouTube).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.